«

»

Nov 05 2013

Incaricato di Pubblico Servizio

15 Flares 15 Flares ×

incaricato di pubblico servizioSecondo la legge italiana l’incaricato di pubblico servizio è chi, pur non avendo le funzioni proprie del pubblico ufficiale (certificative, autorizzative e delierative) svolge comunque un servizio di pubblica utilità presso organismi pubblici in genere

Disciplina normativa

La definizione di incaricato di pubblico servizio è sancita dal codice Penale, in particolare dall’Articolo 358:

Agli effetti della legge penale, sono incaricati di un pubblico servizio coloro i quali, a qualunque titolo, prestano un pubblico servizio.

Per pubblico servizio deve intendersi un’attività disciplinata nelle stesse forme della pubblica funzione, ma caratterizzata, dalla mancanza dei poteri tipici di quest’ultima, e con esclusione dello svolgimento di semplici mansioni di ordine e della prestazione di opera meramente materiale.

La legge inoltre precisa che sono escluse da questa definizione le persone che svolgono “semplici mansioni di ordine” o “prestazioni di opera meramente materiale”.

Questo significa che, per indicare se un soggetto sia o meno un incaricato di pubblico servizio bisogna fare riferimento non alla sua natura giuridica ma alle sue funzioni giuridiche, che, nel caso degli incaricati di pubblico servizio, consistono nella cura di interessi pubblici o nel soddisfacimento di bisogni di interesse generale.

Modifica al Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza

Il decreto legge 8 aprile 2008 n° 59 ha modificato l’art. 138 del T.U.L.P.S., in particolare ha sancito che una guardia particolare giurata, che lavori alle dipendenze di un istituto di vigilanza privato, durante lo svolgimento delle proprie mansioni è qualificabile come “incaricato di pubblico servizio”.

Salvo quanto diversamente previsto, le guardie particolari giurate nell’esercizio delle funzioni di custodia e vigilanza dei beni mobili ed immobili cui sono destinate rivestono la qualità di incaricati di un pubblico servizio.

(Modifiche al testo unico delle leggi di pubblica sicurezza all’art. 138, punto 3)

Differenza tra Incaricato di Pubblico Servizio e Pubblico Ufficiale

Prima di affrontare le differenze tra queste qualifiche cerchiamo di fare un po’di chiarezza riassumendo di seguito i casi possibili:

  • Pubblico Ufficiale: individuo che esercita una pubblica funzione; è pubblica la funzione amministrativa disciplinata da norme di diritto pubblico e da atti autoritativi e caratterizzata dalla formazione e dalla manifestazione della volontà della pubblica amministrazione o dal suo svolgersi per mezzo di poteri autoritativi o certificativi (art. 357 c.p.). Alcuni esempi di pubblici ufficiali: medici ospedalieri, assistenti sociali di un ente pubblico, dipendenti di uffici pubblici (es. uffici anagrafici) che rilasciano certificati, insegnanti di scuole pubbliche e private, notai, capitreno, controllori sui mezzi pubblici, ufficiali sanitari, tecnici comunali.

  • Incaricato di pubblico servizio: individuo che, a qualunque titolo, presta un pubblico servizio; per pubblico servizio si intende un’attività disciplinata nelle stesse forme della pubblica funzione, ma caratterizzata dalla mancanza dei poteri tipici di quest’ultima, e con esclusione dello svolgimento di semplici mansioni di ordine e della prestazione di opera meramente materiale (art. 358 c.p.). Alcuni esempi di incaricati di pubblico servizio: i dipendenti comunali che preparano i certificati senza avere potere di firma, i dipendenti delle aziende sanitarie locali, le Guardie Giurate, i volontari della protezione civile, un letturista dei contatori Enel o del gas .

  • Esercente di un servizio di pubblica necessità: i privati che esercitano professioni forensi o sanitarie o altre professioni il cui esercizio sia per legge vietato senza una speciale abilitazione dello Stato, quando dell’opera di essi il pubblico sia per legge obbligato a valersi, oppure privati che, pur non esercitando una pubblica funzione, né prestando un pubblico servizio, adempiono un servizio dichiarato di pubblica necessità mediante un atto della pubblica Amministrazione ( art. 359 c.p.).

Per questi soggetti giuridici le differenze consistono – oltre che nei poteri certificativi, autorizzativi e deliberativi di cui è dotato solamente il Pubblico Ufficiale – nelle differenti responsabilità di fronte alla legge:

Un Pubblico Ufficiale infatti può essere chiamato a rispondere di corruzione in un atto d’ufficio mentre un incaricato di Pubblico Servizio no (per esempio i reati di falso in atto pubblico o falso ideologico).

Inoltre, gli atti compiuti dal  Pubblico Ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni godono di fede privilegiata, ovvero sono veri fino a querela di falso, a differenza degli atti compiuti da un incaricato di Pubblico Servizio (per esempio, un controllore di un autobus dinanzi ad un rifiuto di esibizione dei documenti  o a seguito di un furto  deve chiamare necessariamente  le forze dell’Ordine).

Tutele dell’incaricato di pubblico servizio

La legge italiana tutela gli Incaricati di Pubblico Servizio al pari dei Pubblici Ufficiali con i seguenti articoli del codice penale

Art. 336 Violenza o minaccia a un pubblico ufficiale:

Chiunque usa violenza a un pubblico ufficiale o ad un incaricato di un pubblico servizio, per costringerlo a fare un atto contrario ai propri doveri, o ad omettere un atto dell’ufficio o del servizio, è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni. La pena è della reclusione fino a tre anni, se il fatto è commesso per costringere alcuna delle persone anzidette a compiere un atto del proprio ufficio o servizio, o per influire, comunque, su di essa

Art. 337 Resistenza a un pubblico ufficiale: 

Chiunque usa violenza o minaccia per opporsi a un pubblico ufficiale o ad un incaricato di un pubblico servizio, mentre compie un atto di ufficio o di servizio, o a coloro che, richiesti, gli prestano assistenza, è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni

15 Flares Twitter 0 Facebook 15 Google+ 0 LinkedIn 0 15 Flares ×

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


*

15 Flares Twitter 0 Facebook 15 Google+ 0 LinkedIn 0 15 Flares ×