«

»

Mar 17 2013

Obiettori di coscienza, riformati ed esonerati; è possibile diventare Guardie Giurate?

0 Flares 0 Flares ×

Come abbiamo già visto in questo articolo, tra i requisiti previsti per poter diventare Guardia Giurata vi è quello di “aver adempiuto agli obblighi di leva”, non tutti sanno però che questo non significa necessariamente aver fatto il servizio militare, bensì non essere più soggetto, per qualunque motivo (congedo, riforma, esonero ecc.), a dover prestare il suddetto servizio a favore dello Stato.
Questo significa che anche chi è stato riformato alla visita di leva oppure è stato esonerato dal servizio potrebbe richiedere il Decreto di Nomina di Guardia Giurata.
Il condizionale qui però è d’obbligo perché, se da un lato è vero che non ci sono impedimenti legali alla richiesta del Decreto di Nomina, è vero anche che gli Istituti di Vigilanza sono società private, e quindi hanno il diritto di selezionare il personale in base a criteri soggettivi.

Obiettori di coscienza

Discorso a parte va fatto per gli obiettori di coscienza; fino a pochi anni fa (prima del 2007), a chi aveva fatto questa scelta non poteva venir rilasciato alcun tipo di porto d’armi (sportivo, da caccia, difesa personale, ecc.).
Oggi le cose sono diverse, a partire dal 6 settembre 2007, è entrata in vigore la legge 2 agosto 2007, n. 130, che ha apportato sostanziali modifiche alla normativa in materia ed, in particolare, all’art. 15, comma 6, della legge n. 230/98. Ora è previsto che chi ha in passato ha prestato servizio civile in qualità di obiettore di coscienza possa rinunciare allo status di obiettore: in gergo tecnico si chiama presa d’atto, richiede che siano trascorsi almeno cinque anni dalla conclusione del servizio civile e di fatto rinnega in modo irrevocabile la scelta di obiezione di coscienza. Per farlo è necessario compilare l’apposito modulo e presentarlo presso l’Ufficio nazionale per il servizio civile che provvederà a darne tempestiva comunicazione alla Direzione generale della previdenza militare, della leva e del collocamento al lavoro dei volontari congedati.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×